Come e perché diventare un sano egoista..

giovani in carriera

Seleziona il tuo Ambiente..

Come posso diventare un sano egoista?

Chi e cosa influenza i tuoi pensieri.. che come sai determinano il tuo successo nella vita?

Mia mamma, “siciliana doc”, mi ha sempre detto:..

“Cu pratica u zoppu all’annu zuppichia” che traducendolo in italiano significa: chi frequenta colui che zoppica entro un anno impara anche lui a zoppicare.

Il termine zoppicare ovviamente è da intendersi in senso metaforico, e in questo caso vuol indicare una persona che conduce la propria vita non proprio in maniera ottimale, nè con dei sani principi, e tanto meno conduce la sua vita con degli obiettivi ben precisi.

E in questo periodo sociale dove dovunque ti giri si parla di crisi, si parla di problemi della scuola che non funziona, della supertassazione, della malasanità, della mancanza di lavoro, della mancanza di valori, di coerenza, di ideali, di punti di riferimento, siamo in molti ad aver imparato a “zoppicare”.

Con il risultato che soprattutto tu che sei giovane, ritrovandoti in questo clima.. non solo non ti senti stimolato a creare la tua vita, ma senti accrescere dentro di te.. sentimenti come l’umiliazione, la frustrazione, la solitudine, la rassegnazione.. sentimenti che reputo nocivi soprattutto per i giovani che rappresentano il futuro di questo nostro meraviglioso mondo.

Sentimenti questi.. che frenano e bloccano la tua voglia di provarci, la voglia di credere che qualcosa si possa ancora fare per riprendersi la propria vita.. il proprio futuro.

Ragazzi, lasciate che vi dica che là fuori, c’è un punto da cui partire per cambiare le cose..

E va bene Carmen, ma cosa dovremmo fare secondo te ?

La risposta è, ritornando al vecchio detto di mia mamma..

Comincia a selezionare le persone che stai frequentando, ovvero le persone che stanno maggiormente influenzando la Tua vita.

Se è vero che la nostra situazione attuale nella vita è il risultato dell’attuale situazione sociale è anche vero che influisce molto l’ambiente in cui ci stiamo relazionando.

Ricordo che quando sentii questa considerazione x la prima volta, mi fece quasi paura. La prima cosa che ci porta a pensare è: ..oddio i miei genitori, la mia famiglia… tranquillo, non mi riferisco a loro, i genitori, sono generalmente le persone che vogliono maggiormente il nostro bene, e capita a volte che per proteggerci ci influenzano negativamente, tuttavia se a volte ci dicono di volare basso, è perché vorrebbero evitarci delle eventuali delusioni.

In ogni caso rimane il fatto che la famiglia, non si può fare a meno di amarla e frequentarla, ci mancherebbe…

Quindi è utile cominciare ad evitare le persone che influenzano negativamente la nostra vita..

E allora, ti starai chiedendo.. forse è il caso che eviti di frequentare il mio amico “Lorenzo” che ha l’abitudine di criticare tutto e tutti, o “Federica” che è sempre scontenta, non le va bene mai niente.. piuttosto che “Davide” o “Francesca”, il primo eternamente svogliato a fare qualunque cosa e la seconda, ora che ci penso, l’unica volta in cui l’ho vista sorridere è stato nella foto di fine anno alle medie..

Probabilmente si.., se hai pensato a loro è perché sei consapevole che la loro presenza nella tua vita non è poi granché positiva e motivante..

Un obiezione che ti potrebbe sorgere è:

EH però Lorenzo, Federica, ecc….li conosco da quando andavo alle elementari, in fondo sono dei bravi ragazzi.

Certo.. tutte le persone hanno del buono dentro, è che a volte, influenzate dalle interferenze esterne trasmettono a loro volta, influenze negative a chi gli sta intorno.

Il punto è che se noi ci stiamo a stretto contatto, soprattutto nella fase di sviluppo della nostra personalità, nella vita e nel lavoro, questo potrebbe influenzare i nostri comportamenti, limitare le nostre azioni, e condizionare il nostro percorso nel lavoro.

E’ provato ad esempio che ascoltare per mezz’ora persone che si lamentano, che non hanno alcun tipo di iniziativa nella vita, nel lavoro, che vedono solo il lato negativo delle cose, non solo non ci aiuta, ma ci spegne i neuroni predisposti alla creatività.

Quindi ti conviene fare attenzione a chi frequenti., non ti sto dicendo di diventare snob o prevalentemente selettivo, voglio solo farti riflettere sul fatto che è meglio circondarsi di persone che ci stimolano, che ci motivano, piuttosto che il contrario.

Devi sapere che il tuo rendimento negli studi, se sei uno studente, o il tuo reddito lavorativo, se lavori, è basato solitamente sulle 5 persone che frequenti di più nella tua vita.. quindi se frequenti persone che studiano con il massimo impegno, tu sarai stimolato a impegnarti, come, se non più.. di loro.

Allo stesso modo se frequenti persone che vogliono crescere nel lavoro, questo stimolerà la tua crescita lavorativa.

Conosci sicuramente la favola di Pinocchio, lui era un bravo ragazzo ma seguendo Lucignolo, si metteva sempre nei guai..

Al contrario la formica della favola di Esopo, ignorando la cicala continuava imperterrita a procurarsi il cibo per l’inverno.

Scegli quello che è meglio per te..

Se lasci che i tuoi pensieri siano influenzati da presenze positive, compirai azioni costruttive per la tua realizzazione..

Se lasci che i tuoi pensieri siano influenzati da presenze negative, rischierai di non muovere un passo.

Credimi, lasciati pervadere da un po’ di sano egoismo, fa bene oggi a te e domani agli altri.. è a te che devi principalmente pensare, e prossimamente ti farò comprendere ancora meglio il motivo per cui dovresti veramente considerare di farlo.

CARMEN OK

 

Se ti sono piaciuti i contenuti di questo articolo, mi faresti un grande favore condividendoli con i tuoi amici. Puoi farlo cliccando sui bottoni qui sotto e postando il link sui Social Network che usi più di frequente (Grazie!!!)

lascia un commento